Capire i registri di sistema Windows5 min read

PREMESSA

A chi non è capitato di avere un problema con Windows e cercare una guida online che ci mostri come modificare i registri di sistema nella speranza di risolverlo senza capire però cosa si stia realmente facendo. Ecco, appunto, bene ma non benissimo. Cerchiamo di comprendere in pieno che cosa stiamo andando a modificare e come sono composti questi registri.

CHE COS’E’?

Il registro è un database sicuro centralizzato in cui Windows memorizza tutte le informazioni di configurazione hardware, software e policy di sicurezza del sistema. I componenti che lo utilizzano sono svariati a partire dal kernel, programmi di installazione fino ai profili hardware e di utenti. Il più delle volte non è necessario accedere manualmente al registro, in quanto ci pensano automaticamente i programmi e le varie applicazioni. Ogni qualvolta che si vuole effettuare un cambiamento, è consigliato leggere attentamente da una fonte attendibile le istruzioni, per evitare di danneggiarlo e rendere il proprio computer inutilizzabile.

LA STRUTTURA

Per accedere al registro è sufficiente cliccare su start e digitare Regedit.exe. Esso è diviso in molti sezioni logiche, in una struttura che può essere rappresentata da un alveare e sono generalmente denominati dalle loro definizioni API di Windows. L’alveare inizia con la stringa HKEY spesso abbreviato a HK in modo da creare uno short name con il resto del path. Un esempio può essere HKCU che rappresenta HKEY_CURRENT_USER o HKLM, ovvero HKEY_LOCAL_MACHINE. In Windows Server ci sono 5 chiavi root HKEY:

  • HKEY_CLASSES_ROOT: Si memorizzano informazioni sulle applicazioni registrate, come il file di associazione che il programma apre di default con una determinata estensione.
  • HKEY_CURRENT_USER: Memorizza impostazioni che specificano l’accesso utente corrente. Quando avviene la disconnessione, la HK è viene salvata in HKEY_USERS.
  • HKEY_LOCAL_MACHINE: Memorizza le impostazioni specifiche nel computer locale
  • HKEY_USERS: Contiene sotto-chiavi che corrispondono alle chiavi HKEY_CURRENT_USERS per ciascun profilo utente attivato caricando la macchina.
  • HKEY_CURRENT_CONFIG: Contiene informazioni garantite in esecuzione memorizzate in chiavi non permanenti nel disco, ma vengono generate ad ogni avvio.

Le chiavi di registro sono simili a cartelle, con dei loro path, che contengono valori e sotto-chiavi di diverso tipo. Eccone alcuni tipi:

NOME TIPO DI DATO DESCRIZIONE
Valore binario REG_BINARY Dato binario crudo (Raw binary data). Molte informazioni hardware sono memorizzate come dati binari e mostrati nel Registro in formato esadecimale.
Valore multi-stringa REG_MULTI_SZ Stringe multi-stringa che contengono liste o valori multipli in un form che le persone possono leggere come tipo generale. Gli inserimenti sono separati da spazi o virgole.
Valore stringa espandibile REG_EXPAND_SZ Una stringa di lunghezza variabile. Questo tipo di dato include variabili che possono essere risolti quando un programma o un servizio usano il dato.
Valore stringa REG_SZ Una stringa di lunghezza fissa.
Valore DWORD REG_DWORD Dati rappresentati da un numero lungo 4 bytes. Molti parametri per dispositivi e servizi sono di questo tipo e vengono mostrati nel Registro in formato binario, esadecimale o in formato decimale.
Valore QWORD REG_QWORD I dati rappresentati da numeri interi di 8 bytes. Essi sono mostrati nel registro come valori binari.

Una piccola menzione va ai Reg files sono dei file di testo usati per conservare porzioni di registro con estensione .reg. Con un doppio click si possono aggiungere al registro, esportare tramite il click destro e farne un backup.

CONCLUSIONE

Abbiamo visto che cosa è il registro in Windows e da che cosa è composto. Non ci resta nient’altro da fare che curiosare al suo interno, modificarlo se si vuole prestando però attenzione a che cosa si fa!

Recent Tweets

For privacy reasons Twitter needs your permission to be loaded.
I Accept
2018-09-19T08:28:36+00:00

About the Author:

Dottore in Informatica, mi hanno sempre appassionato i computer e il loro funzionamento. In questi ultimi anni ho deciso di specializzarmi nell'ambito sistemistico focalizzando i miei studi sul network e i server. Insieme a Daniele, ho deciso di creare questo blog per aiutare, attraverso delle guide, più persone possibili cercando di trasmettergli la nostra passione.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.